ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Tinzaparina versus Warfarin per il trattamento del tromboembolismo venoso acuto in pazienti con tumore attivo


L’Eparina a basso peso molecolare è consigliata rispetto a Warfarin ( Coumadin ) per il trattamento del tromboembolismo venoso acuto ( VTE ) in pazienti con carcinoma attivo in gran parte sulla base dei risultati di un unico, ampio studio.

È stata studiata l'efficacia e la sicurezza di Tinzaparina ( Innohep ) versus Warfarin per il trattamento del tromboembolismo venoso acuto sintomatico in pazienti con cancro attivo mediante uno studio randomizzato, in aperto, con pazienti arruolati in 164 Centri in Asia, Africa, Europa e Nord, Centro e Sud America nel periodo 2010-2013.

I pazienti adulti con tumore attivo ( definito da diagnosi istologica di tumore e sottoposti a terapia antitumorale o diagnosticati con tumore, o che hanno ricevuto tale terapia entro i 6 mesi precedenti ) e trombosi venosa profonda prossimale oggettivamente documentata o embolia polmonare, con un'aspettativa di vita superiore a 6 mesi e senza controindicazioni per la terapia anticoagulante, sono stati seguiti per 180 giorni e per 30 giorni dopo l'ultima dose del farmaco in studio per la raccolta di dati sulla sicurezza.

È stata somministrata Tinzaparina ( 175 UI/kg ) una volta al giorno per 6 mesi versus terapia convenzionale con Tinzaparina ( 175 UI/kg ) una volta al giorno per 5-10 giorni, seguita da Warfarin a una dose aggiustata per mantenere il rapporto internazionale normalizzato ( INR ) nel range terapeutico ( 2.0 -3.0 ) per 6 mesi.

L’esito primario di efficacia era un composito rappresentato da trombosi venosa profonda recidivante, embolia polmonare fatale o non-fatale, e tromboembolismo venoso incidentale.
Gli endpoint di sicurezza hanno incluso sanguinamento maggiore, sanguinamento non-maggiore clinicamente rilevante, e mortalità generale.

Sono stati randomizzati 900 pazienti e sono stati inclusi nelle analisi di efficacia e sicurezza nella popolazione intention-to-treat.

Il tromboembolismo venoso ricorrente si è verificato in 31 dei 449 pazienti trattati con Tinzaparina e in 45 dei 451 pazienti trattati con Warfarin ( incidenza cumulativa a 6 mesi, 7.2% per Tinzaparina vs 10.5% per Warfarin; hazard ratio, HR=0.65, P=0.07 ).

Non ci sono state differenze nel sanguinamento maggiore ( 12 pazienti per Tinzaparina vs 11 pazienti per Warfarin; HR=0.89, P=0.77 ) o nella mortalità complessiva ( 150 pazienti per Tinzaparina vs 138 pazienti per Warfarin; HR=1.08, P=0.54 ).

È stata osservata una significativa riduzione del sanguinamento non-maggiore clinicamente rilevante con Tinzaparina ( 49 pazienti su 449 per Tinzaparina vs 69 pazienti su 451 per Warfarin, HR=0.58, P=0.004 ).

In conclusione, tra i pazienti con tumore attivo e tromboembolismo venoso acuto sintomatico, l'uso di Tinzaparina a dosaggio pieno ( 175 UI/kg ) al giorno, rispetto a Warfarin per 6 mesi, non ha ridotto in modo significativo la misura composita di tromboembolia venosa ricorrente, e non è stato associato con riduzioni della mortalità totale o del sanguinamento maggiore, ma è stato associato a un più basso tasso di sanguinamento non-maggiore clinicamente rilevante.
Sono necessari ulteriori studi per valutare se i risultati di efficacia possano essere diversi nei pazienti a più alto rischio di tromboembolia venosa ricorrente. ( Xagena2015 )

Lee AYY et al, JAMA 2015; 314: 677-686

Emo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro