ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Terapia anticoagulante per la trombosi venosa profonda al polpaccio sintomatica


L'efficacia e la sicurezza del trattamento anticoagulante non sono ben definite per i pazienti con trombosi venosa profonda, acuta e sintomatica ( DVT ) del polpaccio.
Si è valutato se l’anticoagulazione terapeutica sia superiore al placebo nei pazienti con trombosi venosa profonda sintomatica al polpaccio.

Nello studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, CACTUS, sono stati arruolati pazienti a basso rischio ( senza cancro attivo o precedente malattia tromboembolica venosa ) con una prima trombosi venosa profonda acuta sintomatica al polpaccio da 23 Centri medici universitari o Cliniche mediche in Canada, Francia e Svizzera.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere Eparina a basso peso molecolare Nadroparina [ Fraxiparina, Seleperina ] ( 171 UI/kg, per via sottocutanea, una volta al giorno ) oppure placebo ( soluzione fisiologica 0.9%, per via sottocutanea, una volta al giorno ) per 6 settimane ( 42 giorni ).
A tutti i pazienti sono state prescritte calze compressive e sono stati seguiti per 90 giorni.

L'esito primario di efficacia era una misura composita di estensione della trombosi venosa profonda del polpaccio alle vene prossimali, trombosi venosa profonda controlaterale prossimale, embolia polmonare sintomatica al giorno 42 nella popolazione intention-to-treat modificata.
L'esito primario di sicurezza era rappresentato da sanguinamento maggiore o non-maggiore clinicamente rilevante al giorno 42.

Tra il 2008 e il 2014 sono stati esaminati 746 pazienti, e ne sono stati arruolati 259 pazienti ( il 50% della dimensione del campione pre-specificato ), prima che il Comitato direttivo terminasse lo studio a causa della scadenza del farmaco e del lento reclutamento.

L'analisi intention-to-treat ha compreso 122 pazienti nel gruppo Nadroparina e 130 nel gruppo placebo.

Non vi è stata alcuna differenza significativa tra i gruppi nell’esito primario composito, che si è verificato in 4 pazienti ( 3% ) nel gruppo Nadroparina e in 7 ( 5% ) nel gruppo placebo ( differenza di rischio -2.1%, P=0.54 ).

Il sanguinamento si è verificato in 5 pazienti ( 4% ) nel gruppo Nadroparina e in nessun paziente nel gruppo placebo ( differenza di rischio 4.1, P=0.0255 ).

Nel gruppo Nadroparina un paziente è morto di cancro pancreatico metastatico, e a un paziente è stata diagnosticata la trombocitopenia indotta da Eparina di tipo 2.

Nadroparina non è risultata superiore al placebo nel ridurre il rischio di estensione prossimale o di eventi tromboembolici venosi nei pazienti a basso rischio con trombosi venosa profonda, sintomatica, del polpaccio, ma ha fatto aumentare il rischio di sanguinamento.
Evitare l’anticoagulazione sistematica per trombosi venosa profonda del polpaccio potrebbe avere un impatto sostanziale sui singoli pazienti e dal punto di vista della salute pubblica. ( Xagena2016 )

Righini M et al, Lancet Haematology 2016; 3: e556-e562

Emo2016 Farma2016


Indietro