GSK Ematologia
Janssen Oncology
Celgene Ematologia
Ematologia Amgen

L'impiego di Rivaroxaban nel trattamento a breve e a lungo termine del tromboembolismo venoso


Il tromboembolismo venoso colpisce più di 1.6 milioni di persone ogni anno in tutto il mondo.
Le complicanze a lungo termine comprendono il tromboembolismo venoso ricorrente, la ipertensione polmonare tromboembolica cronica e la sindrome post-trombotica.

Rivaroxaban ( Xarelto ) è un inibitore orale diretto del fattore Xa che presenta vantaggi rispetto alle tradizionali terapie del tromboembolismo venoso, tra cui minime interazioni alimentari e farmacologiche, la non-necessità di monitoraggio di routine della coagulazione.

Xarelto è stato approvato nella prevenzione del tromboembolismo venoso nei pazienti adulti sottoposti a chirurgia di sostituzione elettiva di anca o del ginocchio.
Recentemente, Xarelto è stato approvato: a) nel trattamento della trombosi venosa profonda e nella prevenzione della trombosi venosa profonda recidivante e della embolia polmonare negli adulti; b) nel trattamento della embolia polmonare e nella prevenzione delle recidive di trombosi venosa profonda e di embolia polmonare negli adulti.
Inoltre, Xarelto trova indicazione anche nella prevenzione di ictus e di embolia sistemica nei pazienti adulti con fibrillazione atriale non-valvolare, con uno o più fattori di rischio.

Una recensione ha valutato le potenziali implicazioni cliniche del Programma di studi multicentrici, randomizzati EINSTEIN ( EINSTEIN DVT e EINSTEIN EXT ), che hanno indagato Rivaroxaban nel trattamento e nella prevenzione del tromboembolismo venoso ricorrente.

Nello studio EINSTEIN DVT, Rivaroxaban è risultato non-inferiore allo standard di cura ( Enoxaparina più un antagonista della vitamina K ) per il tromboembolismo venoso ricorrente nei pazienti con trombosi venosa profonda, in fase acuta, senza embolia polmonare.

Nello studio EINSTEIN EXT ( studio di estensione ) Rivaroxaban ha mostrato un'efficacia superiore al placebo nei pazienti con trombosi venosa profonda o embolia polmonare, trattati per 6-12 mesi di prima dell’evento tromboembolico venoso.

Il trattamento con Rivaroxaban è risultato associato a un profilo di sicurezza accettabile in entrambi gli studi.
E’ emerso che il beneficio clinico netto ( endpoint di efficacia e di sicurezza combinati ) di Rivaroxaban era significativamente maggiore rispetto ai suoi comparatori.

Gli studi EINSTEIN rappresentano la prima dimostrazione che un singolo farmaco ( Rivaroxaban ) può essere efficace sia per il trattamento iniziale della trombosi venosa profonda sia nella prevenzione del tromboembolismo venoso ricorrente.
Inoltre, la monosomministrazione giornaliera orale di Rivaroxaban può migliorare l'aderenza al trattamento prolungato del tromboembolismo venoso, rispetto all’attuale standard di cura nei soggetti con trombosi venosa profonda o embolia polmonare. ( Xagena2012 )

Cohen AT, Dobromirski M, Thromb Haemost 2012;107: 1035-1043


Cardio2012 Emo2012 Farma2012


Indietro