ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Le statine sembrano ridurre il rischio di recidiva di trombosi venosa


Uno studio di coorte basato sulla popolazione ha mostrato che il trattamento con le statine ha ridotto il rischio di recidiva di trombosi venosa nei pazienti che avevano sofferto di trombosi venosa.

Mentre la terapia anticoagulante è efficace nel prevenire le recidive trombotiche, il possibile rischio di sanguinamento con il trattamento prolungato ne limita l'uso nei pazienti con un rischio di recidiva da moderato ad alto.
La ricerca di trattamenti alternativi in grado di abbassare il potenziale rischio di recidiva, senza aumentare il rischio di sanguinamento, è fondamentale per il miglioramento della gestione clinica di questi pazienti.

Uno studio ha valutato se le statine fossero in grado di ridurre il rischio di trombosi venosa ricorrente.

Sono state prese in esame le cartelle cliniche di 2.798 pazienti statunitensi ( età media 65.8 anni; 55% donne ) che avevano sofferto di trombosi venosa ( embolia polmonare nel 53% ) nel periodo 2002-2010.
Di questi, 204 ( 7.3% ) soggetti erano deceduti entro 30 giorni dall’evento trombotico.

Al basale, il 22.1% dei pazienti aveva ricevuto trattamenti ipolipemizzanti ( statine nel 98.7% ), e il 24% presentava malattia cardiovascolare.

Il follow-up mediano è stato di 3.4 anni.

Durante questo periodo, il 16% ( n=457 ) dei pazienti ha sviluppato recidiva di trombosi venosa ( embolia polmonare nel 39% ).
Il 7% dei pazienti ha sviluppato malattia cardiovascolare.
Il 21% ha iniziato il trattamento con le statine. Dei pazienti trattati con statine al basale, il 27% ha interrotto questa terapia nel corso del follow-up; nel complesso, il 38% della coorte ha fatto uso di statine in un certo periodo durante il follow-up.

Il tasso di recidiva di trombosi venosa è stato pari a 5.2 per 100 anni-persona ( IC 95%, 4.7-5.9 ) tra che non avevano fatto uso di statine e a 3.9 ( IC 95%, 3.3-4.7 ) per 100 anni-persona tra gli utilizzatori correnti di statine.

L'uso corrente della terapia statinica è apparso ridurre il rischio di recidiva di trombosi venosa ( hazard ratio, HR=0.74; IC 95%, 0.59-0.94 ).
Questa associazione si è mantenuta quando sono stati analizzati i pazienti che hanno iniziato l’uso delle statine durante il follow-up ( HR=0.62; IC 95%, 0.41-0.93 ) e i pazienti che non presentavano malattia cardiovascolare ( HR=0.62; IC 95%, 0.45-0.85 ).

E’ stata riscontrata una riduzione del rischio, clinicamente rilevante, tra i tipi di statine e i dosaggi, in particolare con l'uso della Simvastatina ( HR=0.76; IC 95%, 0.57-1 ).

Lo studio presenta il limite degli studi non-randomizzati. Pertanto il risultato deve essere confermato.
Tuttavia, esistono evidenze che le statine riducano le citochine proinfiammatorie e i fattori emostatici che favoriscono la coagulazione, con un conseguente miglioramento della funzione endoteliale e un abbassamento del rischio trombotico. ( Xagena2016 )

Fonte: Journal of Thrombosis and Haemostasis, 2016

Emo2016 Cardio2016 Farma2016


Indietro