Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Linfoma mantellare

Incidenza e impatto clinico degli eventi emorragici nei pazienti anziani con tromboembolia venosa acuta


I pazienti più anziani trattati con anticoagulanti per tromboembolia venosa ( VTE ) hanno un aumentato rischio di sanguinamento rispetto ai pazienti più giovani.
Poco si sa sull'impatto clinico del sanguinamento correlato all'anticoagulazione in questo gruppo di pazienti in crescita.

Per valutare in modo prospettico l'incidenza, l'impatto clinico e i predittori di sanguinamento nei pazienti anziani anticoagulati per tromboembolia venosa, sono stati analizzati 981 pazienti di età maggiore o uguale a 65 anni con tromboembolia venosa acuta in una coorte multicentrica prospettica.
L'8.8% era anticoagulato con antagonisti della vitamina K.

Gli esiti erano il verificarsi di eventi di sanguinamento maggiore ( MB ) o sanguinamento non-maggiore clinicamente rilevante ( CRNMB ) durante il periodo iniziale di anticoagulazione fino a 36 mesi.

Sono stati descritti l'incidenza e l'impatto clinico del sanguinamento ed è stata esaminata l'associazione tra fattori di rischio e tempo al primo sanguinamento utilizzando la regressione del rischio competitivo; durante il follow-up si sono verificati 100 episodi di sanguinamento maggiore e 125 eventi di sanguinamento non-maggiore clinicamente rilevante.

L'incidenza di sanguinamento maggiore e sanguinamento non-maggiore clinicamente rilevante è stata rispettivamente di 8.5 e 13.4 eventi per 100 anni-paziente.
Nei pazienti con sanguinamento maggiore, il 79% ha richiesto il ricovero in ospedale, il 18% ha richiesto un intervento chirurgico e il 19% ha richiesto l'interruzione permanente della terapia anticoagulante; il 15% dei casi di sanguinamento maggiore era intracranico e il 6% fatale.

Dopo aggiustamento, il tumore attivo ( subhazard ratio, SHR=1.81 ) e la ridotta attività fisica ( SHR=1.88 ) sono stati associati a sanguinamento maggiore e ad alto rischio di cadute con sanguinamento non-maggiore clinicamente rilevante ( SHR=2.04 ).

I pazienti più anziani anticoagulati per tromboembolia venosa hanno mostrato un'alta incidenza di sanguinamento maggiore e sanguinamento non-maggiore clinicamente rilevante, e questi episodi emorragici hanno causato un grande carico di malattia.
I medici devono valutare attentamente i rischi / benefici della terapia anticoagulante prolungata nella popolazione anziana con tromboembolia venosa. ( Xagena2023 )

Ferrazzini E et al, Blood Adv 2023; 7: 205-213

Emo2023



Indietro