Celgene Ematologia
Janssen Oncology
GSK Ematologia
Ematologia Amgen

Ictus ischemico: benefici clinici dei pazienti trattati con Enoxaparina per la profilassi del tromboembolismo venoso


La prevenzione del tromboembolismo venoso dopo ictus ischemico acuto con Eparina a basso peso molecolare nello Studio PREVENT ha dimostrato che l’Enoxaparina ( Clexane ) era superiore all'Eparina non-frazionata nella prevenzione della tromboembolia venosa in pazienti con ictus ischemico, ed è stata associata ad un piccolo, ma statisticamente significativo aumento dei tassi di emorragia extracranica.

Nella sottoanalisi PREVAIL sono stati valutati gli esiti neurologici nel lungo periodo associati all'uso di Enoxaparina rispetto all'Eparina non-frazionata. Inoltre sono stati anche determinati i predittori della progressione dell'ictus.

Pazienti di età maggiore di 18 anni, con ictus ischemico acuto, incapaci di camminare senza assistenza, sono stati randomizzati a ricevere Enoxaparina ( 40 mg, 1 volta al giorno ) o Eparina non-frazionata ( 5000 U, ogni 12 ore ), per un periodo di 10 giorni.

I pazienti sono stati stratificati sulla scorta dei valori basali di gravità dell'ictus utilizzando il punteggio della scala NIHSS ( National Institutes of Health Stroke Scale ).

Gli endpoint di questa analisi comprendevano la progressione dell'ictus ( punteggio maggiore o uguale a 4 alla scala NIHSS ), gli esiti neurologici fino a 3 mesi della post-randomizzazione ( valutati con il punteggio della scala NIHSS e con il punteggio alla scala modificata di Rankin ) e l'incidenza di emorragia intracranica.

La progressione dell'ictus si è verificata nel 5.1% ( 45/877 ) dei pazienti che hanno ricevuto Enoxaparina e nel 4.8% ( 42/872 ) dei pazienti che hanno ricevuto Eparina non-frazionata.

Miglioramenti simili sono stati osservati sia nel punteggio alla scala NIHSS che nel punteggio alla scala modificata di Rankin, in entrambi i gruppi di pazienti durante un periodo di follow-up di 90 giorni.

L'incidenza di emorragia intracranica era comparabile tra i gruppi ( 2.3% e 2.5% ) nel gruppo di trattamento con Enoxaparina ed Eparina non-frazionata, rispettivamente.

Il punteggio basale alla scala NIHSS, l'iperlipidemia e l'etnia ispanica erano predittori indipendenti della progressione dell'ictus.

In conclusione, nei pazienti con ictus ischemico acuto, i benefici clinici associati all'uso di Enoxaparina per la profilassi del tromboembolismo venoso non sono associati a esiti neurologici a lungo termine meno favorevoli o a aumentati tassi di emorragia intracranica sintomatica, rispetto al trattamento con Eparina non-frazionata. ( Xagena2009 )

Kase C et al, Stroke 2009; 40: 3523-3540


Neuro2009 Cardio2009 Farma2009


Indietro