Celgene Ematologia
GSK Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen

Esiti di temporanea interruzione di Rivaroxaban rispetto a Warfarin in pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare


Durante la terapia anticoagulante a lungo termine nella fibrillazione atriale, le interruzioni temporanee della terapia sono comuni, ma il rapporto tra esiti del paziente e interruzioni temporanee non è stato ben studiato.
Sono stati determinati i motivi delle interruzioni temporanee, le caratteristiche dei pazienti sottoposti a interruzioni temporanee, e il rapporto tra anticoagulanti ed esiti nei pazienti con interruzioni temporanee della terapia.

Nello studio ROCKET AF ( Rivaroxaban Once Daily, Oral, Direct Factor Xa Inhibition Compared With Vitamin K Antagonism for Prevention of Stroke and Embolism Trial in Atrial Fibrillation ), uno studio randomizzato, in doppio cieco, double-dummy, di Rivaroxaban ( Xarelto ) e Warfarin ( Coumadin ) nella fibrillazione atriale non-valvolare, sono state riportate le caratteristiche di base, la gestione e gli esiti, tra cui ictus, embolia sistemica del sistema nervoso non-centrale, morte, infarto miocardico e sanguinamento, nei partecipanti che hanno sperimentato interruzioni temporanee della terapia ( 3-30 giorni ) per qualsiasi motivo.

Il periodo a rischio di esiti associati a interruzioni temporanee era dall’inizio della interruzione temporanea della terapia a 30 giorni dopo la ripresa della somministrazione del farmaco in studio.

Su 14.236 partecipanti che hanno ricevuto almeno 1 dose del farmaco in studio, 4.692 ( 33% ) hanno sperimentato interruzioni temporanee.

I partecipanti con interruzioni temporanee erano simili alla popolazione complessiva dello studio ROCKET-AF per quanto riguarda le caratteristiche cliniche basali.
Solo il 6% ( n=483 ) di incidenza delle interruzioni temporanee ha coinvolto la terapia ponte.

I tassi di ictus / embolia sistemica durante il periodo a rischio sono risultati simili nei pazienti trattati con Rivaroxaban e in quelli trattati con Warfarin ( 0.30% contro 0.41% per 30 giorni; hazard ratio, HR=0.74; P=0.40 ).
Anche il rischio di sanguinamento maggiore durante il periodo a rischio era simile nei pazienti trattati con Rivaroxaban e in quelli trattati con Warfarin ( 0.99% contro 0.79% per 30 giorni; HR=1.26; P=0.32 ).

In conclusione, le interruzioni temporanee della terapia anticoagulante orale sono comuni e sono associate a rischi sostanziali di ictus e di sanguinamenti che erano simili tra i pazienti trattati con Rivaroxaban o Warfarin.
Sono necessarie ulteriori indagini per determinare la strategia di gestione ottimale nei pazienti con fibrillazione atriale che richiedono una interruzione temporanea della terapia anticoagulante. ( Xagena2014 )

Sherwood MW et al, Circulation 2014; 129: 1850-1859

Emo2014 Cardio2014 Neuro2014 Farma2014


Indietro