GSK Ematologia
Celgene Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen

Eparina a basso peso molecolare e mortalità nei pazienti con malattia acuta


Benché la tromboprofilassi riduca il rischio di incidenza di tromboembolismo venoso nei pazienti con malattia acuta in ambito medico, non è stata dimostrata una riduzione associata nel tasso di mortalità per tutte le cause.

È stato condotto uno studio in doppio cieco, placebo-controllato e randomizzato per valutare l’effetto della somministrazione sottocutanea di Enoxaparina ( Clexane ) 40 mg al giorno, rispetto a placebo ( entrambi somministrati in media per 10 giorni nei pazienti che stavano indossando calze elastiche a compressione graduata ) sul tasso di mortalità per tutte le cause tra persone ospedalizzate, con malattia acuta nei Centri che hanno preso parte allo studio in Cina, India, Corea, Malesia, Messico, Filippine e Tunisia.

I criteri di inclusione comprendevano un’età di almeno 40 anni e ospedalizzazione per scompenso cardiaco acuto, infezione sistemica grave con almeno un fattore di rischio per il tromboembolismo venoso o il cancro in fase attiva.

L’esito primario di efficacia era il tasso di decesso per qualunque causa 30 giorni dopo la randomizzazione, l’esito primario di sicurezza era il tasso di sanguinamento maggiore durante e fino a 48 ore dopo il periodo di trattamento.

In totale, 8307 pazienti sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere Enoxaparina più calza elastica a compressione graduata ( 4171 pazienti ) oppure placebo più calza elastica con compressione graduata ( 4136 pazienti ) e sono stati inclusi nella popolazione per intention-to-treat.

Il tasso di mortalità per qualunque causa al giorno 30 è stato del 4.9% nel gruppo Enoxaparina rispetto a 4.8% nel gruppo placebo ( risk ratio, RR=1.0; P=0.83 ), quello di sanguinamento maggiore è stato di 0.4% nel gruppo Enoxaparina e 0.3% nel gruppo placebo ( RR=1.4; P=0.35 ).

In conclusione, l’uso di Enoxaparina più calza elastica a compressione graduata rispetto alla sola calza elastica non è risultato associato a una riduzione nel tasso di decesso per qualunque causa tra pazienti ospedalizzati con malattia acuta in ambito medico. ( Xagena2011 )

Kakkar AK et al, N Engl J Med 2011; 365: 2463-2472


Emo2011 Farma2011


Indietro