Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Janssen Oncology

Enoxaparina per la tromboprofilassi primaria nei pazienti ambulatoriali sintomatici con COVID-19: studio OVID


COVID-19 è un'infezione respiratoria protrombotica virale. Le eparine esercitano effetti antitrombotici e antinfiammatori e potrebbero avere proprietà antivirali.
Si è determinato se la tromboprofilassi con Enoxaparina ( Clexane ) possa impedire il ricovero e la morte nei pazienti ambulatoriali sintomatici ma clinicamente stabili con COVID-19.

OVID era uno studio randomizzato, in aperto, a gruppi paralleli, di fase 3 ed è stato condotto in otto Centri in Svizzera e Germania.
I pazienti ambulatoriali di età pari o superiore a 50 anni con COVID-19 acuto erano idonei se presentavano sintomi respiratori o temperatura corporea superiore a 37.5 °C.

I partecipanti idonei sono stati sottoposti a randomizzazione stratificata in blocchi ( per fascia di età 50-70 versus più di 70 anni e per Centro di studio ) per ricevere Enoxaparina sottocutanea 40 mg una volta al giorno per 14 giorni rispetto allo standard di cura ( nessuna tromboprofilassi ).

L'esito primario era un composito di qualsiasi ricovero indesiderato e morte per tutte le cause entro 30 giorni dalla randomizzazione.
L'analisi dei risultati di efficacia è stata effettuata nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).
L'esito primario di sicurezza era il sanguinamento maggiore.

In occasione dell'analisi provvisoria formale predefinita per l'efficacia ( 50% della popolazione totale dello studio ), il Comitato indipendente di monitoraggio della sicurezza dei dati ha raccomandato l'interruzione anticipata dello studio sulla base di criteri statistici predefiniti, avendo considerato la probabilità molto bassa di mostrare la superiorità della tromboprofilassi con Enoxaparina per l'esito primario secondo le ipotesi di progettazione dello studio iniziale.

Tra il 2020 e il 2022, su 3.319 partecipanti preselezionati, 472 sono stati inclusi nella popolazione ITT e assegnati in modo casuale a ricevere Enoxaparina ( n=234 ) o standard di cura ( n=238 ).
L'età mediana era di 57 anni e 217 ( 46% ) erano donne.

Il rischio a 30 giorni dell'esito primario è stato simile nei partecipanti assegnati a ricevere Enoxaparina e nei controlli ( 8 su 234, 3%, vs 8 su 238, 3%; rischio relativo aggiustato 0.98; P=0.96 ).
Tutti i ricoveri erano correlati al COVID-19.
Durante lo studio non sono stati segnalati decessi.
Non sono stati registrati eventi emorragici maggiori. Sono stati registrati 8 eventi avversi gravi nel gruppo Enoxaparina rispetto a 9 nel gruppo di controllo.

Questi risultati hanno indicato che la tromboprofilassi con Enoxaparina non riduce i ricoveri precoci e i decessi tra i pazienti ambulatoriali con COVID-19 sintomatico.
L'inutilità del trattamento secondo le ipotesi di progettazione dello studio iniziale non può essere valutata in modo conclusivo a causa della sottorappresentazione dei pazienti più anziani e dei conseguenti bassi tassi di eventi. ( Xagena2022 )

Barco S et al, Lancet Haematology 2022; 9: 585-593

Emo2022 Inf2022 Farma2022



Indietro