Roche Ematologia
Janssen Oncology
Linfoma mantellare
ELN 2018

Efficacia e sicurezza degli inibitori diretti del fattore Xa orale rispetto al Warfarin nei pazienti con obesità patologica


Poiché gli studi sugli anticoagulanti orali diretti nei pazienti con tromboembolismo venoso e fibrillazione atriale non-valvolare hanno avuto una rappresentazione minima di pazienti patologicamente obesi ( indice di massa corporea [ BMI ] maggiore o uguale a 40 kg/m2 ), la loro efficacia e sicurezza in questa popolazione non sono ben definite.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di determinare se Apixaban ( Eliquis ) e Rivaroxaban ( Xarelto ) siano efficaci e sicuri come il Warfarin ( Coumadin ) nei pazienti patologicamente obesi.

È stata effettuata un'analisi retrospettiva in un singolo centro dei dati di tutti i pazienti adulti di almeno 18 anni presso il Montefiore Medical Center ( Bronx, NY, USA ) con un indice BMI di almeno 40 kg/m2 a cui erano stati prescritti Apixaban, Rivaroxaban o Warfarin per tromboembolia venosa o fibrillazione atriale tra il 2013 e il 2017.

Sono stati esclusi i pazienti che avevano sia tromboembolismo venoso che fibrillazione atriale, così come i pazienti con indicazioni diverse da fibrillazione atriale e tromboembolismo venoso.

Gli esiti di tromboembolismo venoso ricorrente, ictus e sanguinamento sono stati misurati dalla prima data di prescrizione fino al più precoce tra evento trombotico, interruzione del trattamento, morte o fine dello studio nel 2017.
Le analisi sono state stratificate in base all'indicazione dell’anticoagulante e adattate per le comorbilità, punteggio CHA2DS2-VASc ed età ove appropriato.

Sono stati ottenuti dati per 795 pazienti: 150 a cui è stato prescritto Apixaban, 326 Rivaroxaban e 319 Warfarin.

In 366 pazienti a cui era stato prescritto un anticoagulante per tromboembolismo venoso, l'incidenza di tromboembolismo venoso ricorrente è stata simile tra le coorti Apixaban, Rivaroxaban e Warfarin ( 1/47, 2.1%; 3/152, 2.0%; 2/167, 1.2%, rispettivamente; P=0.74 ).

L'incidenza di emorragie maggiori in questo gruppo di pazienti è risultata simile tra le coorti di trattamento ( 1/47 pazienti con Apixaban, 2.1%, 2/152 con Rivaroxaban, 1.3%, e 4/167 su Warfarin, 2.4%; P=0.77 ).

In 429 pazienti a cui era stato prescritto un anticoagulante per la fibrillazione atriale, l'incidenza di ictus è risultata simile tra le coorti di trattamento ( 1/103 pazienti con Apixaban, 1.0%, 4/174 con Rivaroxaban, 2.3% e 2/152 su Warfarin, 1.3%, P=0.71 ).

In questo gruppo di pazienti, si è verificato un sanguinamento maggiore in 3/103 pazienti con Apixaban ( 2.9% ), 5/174 con Rivaroxaban ( 2.9% ) e 12/152 con Warfarin ( 7.9% ); P=0.063.

Le analisi time-to-event hanno mostrato che il rischio di tutti gli esiti nei pazienti con tromboembolismo venoso e ictus e sanguinamento composito nei pazienti con fibrillazione atriale, erano simili tra le coorti di anticoagulanti.

Lo studio retrospettivo ha fornito ulteriori prove sulla analoga efficacia e sicurezza tra gli anticoagulanti orali diretti Apixaban e Rivaroxaban e Warfarin nei pazienti patologicamente obesi con fibrillazione atriale e tromboembolismo venoso.
Questi dati, se confermati in studi prospettici, potrebbero consentire ai pazienti con un indice di massa corporea di almeno 40 kg/m2 di beneficiare di anticoagulanti più convenienti e forse più sicuri. ( Xagena2019 )

Kushnir M et al, Lancet Haematology 2019; 6: 359-365

Emo2019 Cardio2019 Endo2019 Farma2019


Indietro