Mediexplorer

Trigger di ospedalizzazione per il tromboembolismo venoso


Il tasso di ospedalizzazione per il tromboembolismo venoso ( VTE ) è in aumento negli Stati Uniti.
Anche se i predittori di tromboembolismo venoso acquisito in ospedale sono ben noti, i trigger di tromboembolismo venoso prima del ricovero non sono così chiaramente definiti.
Uno studio ha valutato i trigger di ospedalizzazione per il tromboembolismo venoso.

È stato condotto uno studio case-crossover.
I soggetti erano i partecipanti allo studio HRS ( Health and Retirement Study ), un campione rappresentativo a livello nazionale di anziani americani ( n=16.781 ).

L’esito era l'ospedalizzazione per tromboembolismo venoso ( n=399 ).

Le esposizioni durante il periodo di 90 giorni prima del ricovero per tromboembolismo venoso sono state confrontate con le esposizioni in 4 periodi di confronto.

L'infezione è stato il trigger più comune di ospedalizzazione per tromboembolismo venoso, che si è verificato nel 52.4% dei periodi di rischio prima del ricovero.

I rapporti dei tassi di incidenza corretti ( IRR ) sono stati 2.90 per tutte le infezioni, 2.63 per l’infezione senza un precedente soggiorno in ospedale o in strutture di cura, e 6.92 per infezione con un precedente soggiorno in ospedale o in una struttura di cura.

Anche i farmaci stimolanti l'eritropoiesi e la trasfusione di sangue sono stati associati con l'ospedalizzazione per tromboembolismo venoso ( IRR=9.33; IRR=2.57, rispettivamente ).

Altri predittori hanno incluso interventi chirurgici maggiori, fratture ( IRR=2.81 ), immobilità ( IRR=4.23 ) e chemioterapia ( IRR=5.70 ).

Questi indici, insieme, hanno rappresentato una percentuale elevata ( 69.7% ) delle esposizioni prima della ospedalizzazione per tromboembolismo venoso in contrapposizione al 35.3% nei periodi di confronto.

In conclusione, gli algoritmi di predizione del rischio di tromboembolismo venoso dovrebbero essere rivalutati per includere infezioni, farmaci stimolanti l'eritropoiesi e la trasfusione di sangue. ( Xagena2012 )

Rogers MAM et al, Circulation 2012; 125: 2092-2099

Cardio2012 Emo2012



Indietro