2017 ASH Meeting on Hematologic
isth 2017
Madrid 22nd congress

Sanguinamento periprocedurale ed eventi tromboembolici con Dabigatran rispetto a Warfarin


Dabigatran ( Pradaxa ) riduce l’incidenza di ictus ischemico rispetto a Warfarin ( Coumadin ); tuttavia, data la mancanza di un antidoto, si teme che possa aumentare il sanguinamento durante gli interventi chirurgici o le procedure invasive.

L'analisi attuale è stata intrapresa per confrontare il rischio di sanguinamento periprocedurale dei pazienti nello studio RE-LY ( Randomized Evaluation of Long-Term Anticoagulation Therapy ) trattati con Dabigatran e Warfarin.
I tassi di sanguinamento sono stati valutati a partire da 7 giorni prima fino a 30 giorni dopo le procedure invasive, considerando solo la prima procedura per ogni paziente.

Un totale di 4.591 pazienti sono stati sottoposti ad almeno una procedura invasiva: il 24.7% dei pazienti ha ricevuto Dabigatran 110 mg, il 25.4% ha ricevuto Dabigatran 150 mg e il 25.9% ha ricevuto Warfarin, P=0.34.

Procedure incluse: inserimento di pacemaker / defibrillatore ( 10.3% ), procedure odontoiatriche ( 10.0% ), procedure diagnostiche ( 10.0% ), rimozione della cataratta ( 9.3% ), colonscopia ( 8.6% ), sostituzione articolare ( 6.2% ).

Tra i pazienti assegnati a entrambi i dosaggi di Dabigatran, l'ultima dose del farmaco in studio è stata somministrata 49 ore prima della procedura in confronto a 114 ore nei pazienti trattati con Warfarin, P minore di 0.001.

Non vi è stata alcuna differenza significativa nei tassi di sanguinamento maggiore periprocedurale tra i pazienti trattati con Dabigatran 110 mg ( 3.8% ) o Dabigatran 150 mg ( 5.1% ) o Warfarin ( 4.6% ); Dabigatran 110 mg vs Warfarin: rischio relativo, 0.83; P=0.28; Dabigatran 150 mg versus Warfarin: rischio relativo, 1.09; P=0.58.

Tra i pazienti sottoposti a chirurgia d'urgenza, sanguinamento maggiore si è verificato nel 17.8% dei casi con Dabigatran 110 mg, nel 17.7% con Dabigatran 150 mg e nel 21.6% con Warfarin: Dabigatran 110 mg: rischio relativo, 0.82; P=0.47; Dabigatran 150 mg: rischio relativo, 0.82; P=0.44.

In conclusione, Dabigatran e Warfarin sono risultati associati a tassi simili di sanguinamento periprocedurale, includendo i pazienti sottoposti a chirurgia d'urgenza. Dabigatran ha permesso di interrompere in tempi più brevi la terapia anticoagulante orale. ( Xagena2012 )

Healey J et al, Circulation 2012; 126: 343-348

Emo2012 Chiru2012 Farma2012


Indietro